viggiano_palio_drago

A Viggiano il “Palio del Drago”

 

Sessanta concorrenti, divisi in nove squadre; prove di abilità fisica e di logica, quattro giorni per accumulare punteggio e vincere. Ma, soprattutto, un’esperienza unica di un ritorno al passato. I partecipanti devono letteralmente vivere come se fossero uomini e donne del Medioevo, senza comodità, senza corrente elettrica e senza nessun supporto tecnologico.

 

viggiano_palio_drago2Sono questi gli ingredienti della prima edizione del “Palio del Drago”, organizzato nella pineta che ospita il Parco Avventura di Viggiano (Pz) dall’associazione StiglianoEventi. Si tratta del primo social reality tutto lucano, dove le tecnologia e la rete sono servite per divulgare l’iniziativa.

 

Ma, a gioco iniziato, da regolamento, tutto ciò che ha a che vedere con quello che già viene chiamato ‘mondo esterno’ viene rigorosamente lasciato fuori dall’accampamento. Tutti indossanno costumi d’epoca medievale (fine 1400 inizi 1500) indicati dall’organizzazione. L’organizzazione si occupa di rispondere ad ogni esigenza dei partecipanti, dai costumi all’acqua, ai cibi di epoca medievale.

 

Un banditore, la mattina, comunica ai gruppi i giochi del giorno che si svolgeranno nel pomeriggio. Ogni gruppo o squadra ha, così, la possibilità di selezionare i propri rappresentanti ed effettuare allenamenti. Al termine della giornata musici, ballerine, giocolieri, artisti di strada. Effettuati i conteggi viene comunicato l’esito alle squadre partecipanti: la squadra vincitrice e le due squadre eliminate. La prima edizione dell’evento, patrocinato dall’amministrazione comunale di Viggiano, si è tenuta dal 16 al 19 luglio 2015.

Tags: , ,